Strada Regionale 44 n.1 11025 Gressoney-Saint-Jean (AO) Italia walserkultur@libero.it 0125 356248

Modelli di casa

La casa è un riparo per la famiglia, un luogo da utilizzare per dormire, mangiare, dove trascorrere la maggior parte delle giornate invernali. È come una piccola azienda ben organizzata e gestita: è una casa laboratorio, stalla, fienile, magazzino, spazio con il focolare.

Una delle prime strutture dei Walser era la cosiddetta casa di tronchi di legno, la quale venne costruita tenendo presente i fattori dell’ambiente geo-storico, fisici, etnologici e tecnologici. Questo tipo di casa di dissodatori venne ideato secondo l’uso che se ne faceva, in base all’abitabilità, se si trattava cioè di una casa per vivere stabilmente o stagionalmente e si predisponevano vani adibiti alle diverse esigenze vitali. Nel Medioevo, periodo della colonizzazione dei Walser, la casa contadina non aveva la stabilità assunta dopo il XVI secolo perché gli edifici, interamente in legno, erano costruiti su fondi signorili ed erano considerati beni mobili: le costruzioni avevano durata breve e potevano essere spostate con facilità poggiando su pali di legno interrati.Con la diffusione delle colture di -cereali si costruirono i primi stadel che avevano la particolarità di avere dei pilastrini a forma di fungo che separavano la casa in due parti, di cui la parte superiore adibita a granaio, e la parte inferiore in pietra o era una cantina o era una stalla o ancora poteva essere abitata.

A proposito di architettura lignea, ci piace ricordare che l’utilizzo del legno nelle costruzioni non è un elemento che dà unicità alla civiltà montana o nordica, ma è stato, per esempio, il materiale più usato nella civiltà etrusca.